Corso di Costruzioni per Istituti Tecnici indirizzo "Costruzioni Ambiente e Territorio"

Le Parrocchie della città murata

La suddivisione della città di Sassari nelle cinque parrochie: San Nicola, Santa Caterina, San Donato, Sant'Apollinare e di San Sisto; è attribuita all'arcivescovo Dorgodorio nel XIII° secolo.

"Con atto del 20 Settembre 1278 Dorgodorio aveva istituito le cinque parrocchie, ritenendo come matrice la Pievania di San Nicola" (da Sassari di E.Costa)

San Nicola (vista laterale) di E. Delessert 1854
Sviluppo storico della chiesa"

Il Duomo di San Nicola in Sassari

  1. Notizie Storiche:

La prima notizia di una chiesa dedicata a «la Plebs Sancti Nicolai de Thathari "La Pieve di San Nicola di Sassari"» si trova nella scheda 83 del Condaghe (1) di San Pietro di Silki databile tra il 1113 ed il 1127.

San Nicola divenne Cattedrale con la bolla Super universas del 3 aprile 1441 del Papa Eugenio IV che trasferì la sede dalla chiesa di San Gavino di Torres (l'attuale Porto Torres) alla "pievania di s. Niccolò", lasciando la annessa la parrocchia.

(1)

"CONDAGHE" registro o codice (regesto), nel quale chiese e monasteri, in epoca Giudicale, trascrivevano gli atti riguardanti il loro patrimonio con la descrizione delle proprietà.

  1. Il complesso architettonico:

L'impianto dell'edificio, può farsi risalire al periodo altomedioevale. Nel XIII° secolo, sull'assetto originario, la chiesa venne riedifica in stile romanico pisano (come tutte le chiese realizzate in quel periodo sotto la dominazione del comune di Pisa (2).

Resatano di tale impianto la parte inferiore del campanile a canna quadrata e il tratto di muro con monofora strombata inserito nella sacrestia aragonese. Le ricerche archeologiche effettuate durante i restauri del 1991-96 hanno permesso di tracciare una probabile pianta di questa costruzione, a navata unica, orientata come l'attuale e di considerevoli dimensioni.(3)

(2)

Non risulta da nessun documento quale fosse la forma e lo stile di questa chiesa, prima della sua erezione a Cattedrale; certamente dovette essere di puro stile lombardo, come le attuali nostre chiesette di campagna.(E. Costa).

(3)

citazione da "Il Duomo di San Nicola di P. Desole, ed. Poliedri 1998.